Art Gallery – History

Opere delle precedenti edizioni

All’interna di questa pagina è possibile visionare tutte le opere degli artisti ospiti della nostra galleria nel corso del tempo, perché ci piace che le opere che transitano all’interno della galleria d’arte di WEEDUP ® lascino un segno indelebile.

 

ALBA BIANCHI

La pittrice Alba Bianchi, di Granada (Spagna), a soli vent’anni riesce, grazie alle sue opere, a trasmettere una potente simbologia. Partendo da una base anatomica, le forme si intrecciano per dare spazio a suggestioni particolari ricche di significati nascosti, con l’obiettivo di spostare la visione del sé esteriore verso una più completa e profonda conoscenza del proprio “Io” interiore, per mostrare come la metafora della “vita appesa a un filo” non sia poi un’immagine così distante dalla realtà.

 

GRAZIANO SAVORETTI

Lo scultore riminese Graziano Savoretti, dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte Internazionale di Scultura in Ceramica “Gaetano Ballardini” di Faenza sotto la guida dei maestri A. Rontini e A. Bianchi, sviluppa un amore per la materia (dapprima il marmo e in seguito il bronzo) che lo legherà sempre più indissolubilmente all’arte scultorea. Nel 1982 muove i primi passi sotto la sapiente guida di A. Pomodoro, artista di calibro internazionale, con il quale collabora nell’allestimento di numerose opere spaziando da Firenze, New York e Palermo. È dal 1986 che si stabilisce a Treviglio, completando la sua maturazione artistica e rendendosi autonomo. La Prima Personale di Savoretti è del 1987, seguita da altre a Milano e Treviglio.

 

MATTIA SOMMOVIGO

La disfunzione logica tra realtà e percezione è alla base delle opere dell’artista italiano Mattia Sommovigo. La continua ricerca di assenza spinge l’artista ad un peregrinaggio costante che regala sfumature del suo significato immortalando immagini distopiche.

Sommovigo sfida il concetto di arte comunemente condiviso, spingendo lo spettatore ad una riflessione forzata, ribaltando le dinamiche estetiche della bellezza astratta. Egli ricerca la chiarezza interiore senza dimenticare la potenza dell’illogico imminente.

«I simboli appartengono alla nostra coscienza, ogni aspetto della realtà è uno specchio privato per la nostra anima.» – Mattia Sommovigo

PIERLUIGI PRATA, MASSIMO CHIERICI c/o BOTTEGA PRATA

Dall’incontro del maestro d’arte Pierluigi Prata con Massimo Chierici, tradizione, passione e creatività si fondono e si confondono nella storica fucina della Bottega Prata, un luogo magico in cui sono nati – e continuano a nascere – molti capolavori in ferro battuto che contribuiscono a dare bellezza all’Italia (e al mondo, vista la consistenza delle esportazioni internazionali).